mercoledì 28 settembre 2016

Samer Saem Eldahr سامر صائم الدهر AKA Zimo زيمو AKA Hello Psychaleppo!







Samer Saem Eldahr (born March 16, 1989) is a singer-songwriter from Aleppo, Syria.

Born to mother working in NGOs and a businessman father, Samer studied music since his early childhood under the supervision of his instructors and learned playing keyboards for several months. He completed then by himself learning more about music. He started playing guitar and writing his own songs afterwards and tried to find his unique style in the world of music. That passion for music led him to join several bands in Syria like ‘The Outcry”, “Space Syndrome”, “Araby” and “The Through”. He also participated in some festivals in Syria, like the “Guitar Festival”.

When he was 14, his older brother died after a two-year battle with cancer that began with a tumor in his neck.

As an only child, Samer filled his time by diving deeper into music and art. His parents supported his exploits, even if they did not fully understand them. His father paid for him to record an album . Published using Zimo as the name of art, the disc is titled "Ana Insan" (I am human) and consists of 11 tracks, all sung, in the balance between the evolved pop song and the singer-songwriter intimacy declined in electronic key.



The disc, cured in all respects, represents a substantial innovation in the Syrian music scene and highlights the quality of its young author who, in the lyrics of songs, ranging from the declaration of love of "Wahdak Fi Bali" (you are the only one in my thoughts) to the social reflection of "Al Harb" (the war).
 
He also pursued painting, over the years developing an affinity for abstract expressionism. As he was completing his undergraduate degree in fine arts at the University of Aleppo, the uprising against Bashar Assad’s regime was in full force. Students were marching every day at the university.

In the summer of 2012, with the Syrian revolution transformed into an armed conflict, Samer travelled to Beirut, looking for a gallery to display his paintings. He had only planned a short trip but once he reached Lebanon, with the regime escalating its offensive against rebel-held areas, his parents told him: For your own safety, don't come back. “Because I’m their only son they didn’t want to risk it. I didn’t want to leave, but I respected my parents’ opinion,” he says.

His parents later fled to Jordan. Looters raided his old studio. His parents' house stands empty. Once it's safe, he wants to go back to Aleppo, but he's afraid of what he'll find there. “I don’t watch any footage because I don’t want to see what’s happening to it until I’m back. I just read the news. I don’t watch,” he says.

In Beirut, he shares an apartment with Lebanese video artist Joan Baz, known during a Workshop in Aleppo in 2011.

During the Syrian meeting   Joan Baz has got to listen to the first album of Samer and enthuses about the graphic design linked to the production of the disc, at that time still in its infancy.
 
In addition to collaborating artistically, she and Zimo are close friends. “He’s like my son, in a way that normally I’m not very affectionate or motherly,” Joan says. “I feel like I have to take care of him. With his album I feel like more than ever I need to make him reachable. I need people to see how talented he his.”


The graphic design linked to the first Zimo album will materialize in Beirut. True to his passions Sameer decides to integrate the musical work with graphical support and commissioned various artists from various countries the visual representation of each track on the album.
The artists involved in the project are: the Egyptian Mohammed Fathi, the same Joan Baz, Jordanian Mohammed Mousa, the Syrians Jumana Hokan, Mohammad Zaza, Fadi Jokhadar and Maiad Khalili and Lebanese Habchy David and Mher Sarkissian.

Each work created by each author based on the inspiration provided by the song assigned to him will be manipulated by the International Sedki Alimam that will realize the final product.

In the capital of the country of the cedars sees the light the project Hello Psychaleppo ! A really strange musical creature. The songs become instrumental and electronic structures become more complex and psychedelic.
Hello Psychaleppo is deeply rooted in oriental music tradition.
He uses melodies of the Arab bedouin “Mawwals” and the ecstatic strains of tarab, and threads it through convoluted, industrial structures made from dubstep, drum & bass, electro and trip-hop.
He creates a journey away from boundaries of style, engaging souls into letting go while experiencing a new dimension of sonic blends.

Parallel musical activity Samer continues to pursue his ideas in the visual arts. In March of 2013 he exhibited his works at the art gallery Joanna Seikally located in the district of Geymazeh.

In October of 2013 is published the first real album by Hello Psychoaleppo! entitled "Gool L'Ah'.
The album is a pastiche of twitchy electronic sounds and golden age Arab pop music of the 1950s and 60s. It is alternately danceable and cathartic, melancholic and apocalyptic. It’s Massive Attack meets Abdel Halim Hafez.
The musical peak of the record is the song “Tobayabooya,” essentially a supercharged version of the classic Abdel Halim song “Kol Maoul Touba” (“I regret all I have not said”). In Zimo’s version, a sample of the Egyptian megastar’s crooning is layered over a propulsive electronic track with bass so heavy that it veers in the direction of dubstep.

“I love heritage music," Zimo says. “That's what I grew up with. [But] as youth we have to put an identity to our music right now. What are we and where are we coming from?” When I asked what five records he would take to a desert island, he listed albums by Leonard Cohen, Abdel Halim Hafez, Umm Kulthoum, Infected Mushroom, and Portishead. At the end of the interview, he interjected that he wanted to add the Swedish singer-songwriter The Tallest Man On Earth.

During live performances, which have multiplied thanks to the disc diffusion, Samer serves a true multimedia experience assisted by Joan Baz and by  French artist Marion Petegnief, with contemporary means creating the right conditions to live the contemplative and emotional experience of Tarab.

In July 2014, shortly after the publication of "Gool l 'Ah," sees the light the new work of Hello Psychaleppo ! titled "HA! ". Composed of 7 tracks recorded live and in real time. Unlike the previous work, more melancholic and nostalgic, this new work is characterized by a dark and tense atmosphere, a real sonic assault.


the album's strong point is the song "Badawiya Lovin", a sonic assault along more than ten minutes where disturbing and layered sounds are the background to a Bedouin mawwal altered electronically.
 
In 2015 Samer was invited to "Shubbak", the Festival held each year in London dedicated to contemporary Arab culture. For Shubbak, Hello Psychaleppo creates the new video Shahba (another name for Aleppo) by mixing original video footage from his hometown, sampling the music of Aleppian singer Nehad Najjar, and blending it with his own illustrations to pay homage to the city that formed him.

Currently, after a long series of appearances at festivals and concerts all over Europe, Samer resides in the USA  looking around for new ideas in pursuit of his next album due for release in the course of 2017.

Always in touch with the artistic reality of the place in which it stands, he has found time to make a song called "Last Day Of The World" for the American label Them Flavors. The song was included in a collection entitled "Ceasefire World Compilation" including the work of producers around the world. The proceeds of this operation will be donated to Cure Violence Organization, an organization working in cities such  Chicago, Baltimore and New York to eradicate urban violence.


For Samer ,the work in graphic design is absolutely inseparable from the work in the music field. This video will propose the images that accompany the work of Zimo / Hello Psychaleppo!






YouTube Channel
SoundCloud
Official site

















Hello Psychaleppo ! : il Tarab del terzo Millennio


Photo by Khaled Alwarea


Immaginate Umm Kulthum che vocalizza al tempo dei ritmi narcotici dei Massive Attack oppure Abdel Halim Hafez in trance su un pezzo dei Portishead ; questi ed altri esperimenti sono la base portante della produzione musicale del progetto Hello Psychaleppo ! creatura partorita dalla fervida immaginazione di Samer Saem Eldahr in arte semplicemente Zimo.

Nato ad Aleppo in Siria il 16 Marzo del 1989 da una famiglia appartenente alla media borghesia ( la madre lavorava presso una Ong mentre il padre era un uomo di affari) , Samer Saem Eldahr, a dispetto della giovane età, ha alle spalle un intensa pratica in campo musicale. Studente di pianoforte e chitarra sin dall'infanzia, ha collaborato con vari gruppi nati in Siria negli ultimi anni tra i quali figurano : The Outcry, Space Syndrome , Araby e The Through.

All’età di 14 anni, assiste impotente alla morte del fratello maggiore deceduto in seguito all’estendersi di un tumore al collo .

Divenuto figlio unico Samer inizia ad occupare il suo tempo immergendosi completamente in quelli che sono i suoi interessi principali, la musica e l’arte , sostenuto dai genitori che non sempre comprendono ciò che il figlio sta facendo .

Iscrittosi ad un corso di studi in belle arti presso l’università di Aleppo ha modo di sviluppare una notevole tecnica pittorica , molto vicina all’espressionismo astratto , dimostrando di essere in possesso di capacità artistiche personali e versatili .

Giunto verso la fine del corso di laurea , la rivolta contro il regime di Bashar Assad è in piena espansione . Le università siriane sono in  fermento ed ogni giorno hanno luogo assemblee pubbliche e proteste.
Ma nell'estate del 2012 quella che era cominciata come una contestazione si trasforma in un conflitto armato che porterà la Siria al collasso.

Da poco recatosi a Beirut, alla ricerca di una galleria che potesse esporre i suoi dipinti , Samer si trova , suo malgrado, nella condizione di esiliato. Il progetto originale prevedeva solo un breve viaggio nella capitale libanese , ma di fronte all’inasprirsi del conflitto siriano la famiglia gli impone di non tornare : " Sono il loro unico figlio, non volevano rischiare. Non volevo abbandonare il paese ma ho rispettato il parere dei miei genitori. " dice con una punta di amarezza.

La sua famiglia in seguito fuggirà in Giordania e la casa di Aleppo sarà saccheggiata .

A Beirut, si trova a condividere un appartamento con la video artista libanese Joan Baz, conosciuta nel corso di un Workshop ad Aleppo nel 2011. Durante l’incontro siriano Joan Baz ha modo di ascoltare il primo album di Samer e si entusiasma per il progetto grafico legato alla produzione del disco, in quel momento ancora in fase embrionale .

Scriverà di lui sul suo blog : “ Zimo è un artista poliedrico. Non si incontrano spesso persone con una scintilla speciale.
Zimo è uno dei pochissimi che ho avuto la possibilità di incontrare.
Egli non solo è un grande pittore, ma anche un brillante musicista.”

Durante il suo ultimo anno di permanenza in Siria, Samer realizza infatti un primo lavoro da solista finanziato dal padre.

Pubblicato adottando Zimo come nome d'arte, il disco viene intitolato “ Ana Insan” (io sono umano) e si compone di 11 tracce, tutte cantate , in bilico tra il pezzo pop evoluto e l'intimismo proprio dei cantautori declinato in chiave elettronica.

Questo lavoro , se non fosse cantato in lingua araba , potrebbe tranquillamente essere scambiato per una produzione occidentale ; infatti l'ossatura musicale dell'album è costituita da beat elettronici che ricordano più certe produzioni New Wave degli anni '80 piuttosto che gli album pop prodotti in medio oriente .

Il disco , curato sotto tutti gli aspetti , rappresenta una sostanziale novità nel panorama musicale siriano e mette in evidenza le qualità del suo giovane autore il quale, nei testi dei brani, spazia dalla dichiarazione d'amore di “Wahdak Fi Bali” (tu sei l'unica nei miei pensieri) alla riflessione sociale di “Al Harb” (La guerra).

Fedele alle sue passioni Sameer decide di integrare il lavoro musicale con un supporto grafico e commissiona ad alcuni  artisti, provenienti da vari paesi, la rappresentazione visiva di ogni brano dell’album. Tra gli artisti coinvolti nel progetto vi sono l’egiziano Mohammed Fathi , la stessa Joan Baz, il giordano Mohammed Mousa , i siriani Jumana Hokan ,Mohammad Zaza, Fadi Jokhadar e Maiad Khalili e i libanesi David Habchy e Mher Sarkissian .
Ogni opera realizzata dal singolo autore , sulla base dell' ispirazione fornitagli  dal brano assegnatoli,  sarà manipolata dall’artista internazionale Sedki Alimam che realizzerà il prodotto finale.

La permanenza libanese contribuisce notevolmente allo sviluppo artistico di Samer il quale, archiviata l’esperienza canora , prosegue lungo un percorso musicale di natura completamente differente.

Vari attori della scena elettronica beirutina avevano avuto modo di ascoltare il primo album di Samer .Ta questi il produttore Nabil Saliba che lo invita ad accompagnarlo nel corso di un DJ set da tenersi presso il noto locale Metro al Madina. La musica che Samer propone incontrerà il favore del pubblico e Nabil Salima lo esorta a proseguire il discorso sperimentale intrapreso.

Nella capitale del paese dei cedri vede allora la luce il progetto Hello Psychaleppo! Una creatura musicale davvero strana . I brani divengono strumentali e le strutture elettroniche si fanno più psichedeliche e complesse.


Il primi brani usciti adottando la nuova ragione sociale appaiono in rete in veste piuttosto anonima. L’enigmatica veste grafica del progetto raffigura il volto di un uomo dotato di Fez e occhiali multicolore , vagamente somigliante a Ranxerox (personaggio nato dall’immaginazione del disegnatore italiano Stefano Tamburini ) , mentre la scaletta musicale non fornisce nessuna indicazione circa la successione dei brani. Samer fa tutto da solo : si auto produce e realizza composizioni che esplorano il vasto mondo dell' elettronica . Il risultato è una raccolta musicale interlocutoria per quanto eclettica e personale , che mette molta carne al fuoco, lasciando tuttavia la sensazione che qualcosa sia rimasto in sospeso . Fantasia e creatività non mancano ma , sotto alcuni aspetti, il lavoro sembra più un esercizio di stile piuttosto che un progetto compiuto, un prologo a qualcosa che deve ancora arrivare.

In parallelo all'attività musicale Samer continua a portare avanti le sue idee nel campo delle arti visive. Nel Marzo del 2013 espone i suoi lavori presso la galleria d'arte Joanna Seikally situata nel quartiere di Geymazeh.
La mostra, intitolata “ Questa non è politica” , suscita un discreto interesse ma non soddisfa completamente il suo protagonista che afferma nel corso di un intervista : “ Il sistema culturale si aspetta che un siriano faccia arte in relazione alla guerra. Io voglio fare arte per l'arte, seguendo la scuola romantica. Con questo presupposto posso separarmi da ciò che vogliono io sia per consentire al mio lavoro di emergere” .

Nel mentre gli sviluppi del progetto Hello Psychoaleppo! si concretizzano in un  album intitolato " Gool l' Ah ", uscito nell’ottobre del 2013.

Questo nuovo lavoro, composto da 12 tracce più mature ed articolate rispetto alle precedenti , segna un deciso passo avanti nella produzione del giovane autore siriano.

La crescita artistica è evidente. La componente orientale, semplicemente abbozzata nei primi lavori,  viene
in questa nuova produzione decisamente esaltata  .

Con questo disco prende vita un nuovo genere musicale che sarà chiamato Electro Tarab (  Il Tarab è uno stato emozionale proprio della musica araba . Può essere definito con termini quali trance ed estasi ma è decisamente riduttivo e non esaustivo) . Una vera e propria fusione delle sonorità appartenenti a quella che viene considerata l’età dell’oro della musica araba ( gli anni ‘50 e '60 ) con i suoni elettronici contemporanei, un mosaico musicale che è alternativamente ballabile e catartico, malinconico e apocalittico.

Nei nuovi brani realizzati da Samer  rari Mawwal beduini, antichi lamenti , campioni di pezzi arabi, sia pop che classici, del secolo scorso si fondono con ritmi trip hop, down-tempo e drum'n bass creando un mix musicale stratificato, ambizioso, ricco e dinamico, adatto sia alla pista da ballo che all'ascolto solitario in cuffia .

"Flower Jam” e“Grease Monkey”, i brani di apertura dell'album, ripercorrono in qualche modo la strada intrapresa nel lavoro precedente quasi si trattasse della continuazione di un discorso già avviato. 

In un intricata commistione di campioni vocali filtrati che ondeggiano attraverso strati su strati di sintetizzatori strozzati, Samer da prova di tutta la sua abilità tecnica .
 

Ma è in " Tarab Dub " , terzo pezzo dell'album, che le novità si fanno più evidenti.

Questo brano, che si potrebbe definire perfetto, rivela il genio musicale del suo compositore. Asse portante della traccia è il campione di "Min Elli A'al " , vecchia canzone interpretata da Umm Kulthum (la diva per eccellenza del Tarab ) , che Samer amalgama con tempi trip hop , melodie ricche di nostalgia , riff di chitarra funky e armonie reggae creando uno dei più interessanti ammodernamenti del suono di questa grande interprete da quando Mohamed Abdel Wahab ha inserito una chitarra elettrica in un orchestra araba in canzoni quali " Fakarouni " e " Inta Omri” . 


Altro brano notevole dell’album è la danza futuristica “ Tobayabooya “ , rivisitazione in chiave Dubstep del brano " Kol Maoul Touba " reso famoso da Abdel Halim Hafez, un altro gigante della canzone araba. In riferimento a questo brano Samer afferma : "Ho davvero rispetto per la musica di Abdel Halim Hafez . Io amo il nostro ricco patrimonio musicale, è ciò con cui sono cresciuto , ma come giovani dobbiamo cercare una nostra identità musicale . Capire cosa siamo e dove stiamo andando”.
 

I critici che , agli inizi, hanno definito il progetto Hello Psychaleppo ! un paradosso musicale, sottolineando come il riferimento alle radici presente nel nome non trovi alcune riscontro nella sostanza della musica prodotta, sono stati decisamente smentiti .

Questo lavoro ( uno tra i migliori realizzati nel corso delle prime due decadi degli anni 2000 ) ha riscosso molto successo all’interno della scena musicale indipendente araba e ha fatto si che Hello Psychaleppo ! sia unanimemente considerato come uno dei progetti più interessanti degli ultimi anni.

Nel corso delle esibizioni dal vivo, che si sono moltiplicate grazie alla diffusione del disco, Samer allestisce una vera e propria esperienza multimediale coadiuvato da Joan Baz e dall 'artista francese Marion Petegnief , creando con mezzi contemporanei le giuste premesse per vivere l’esperienza contemplativa ed emozionale del Tarab . Le varie identità arabe vengono decostruite e rinnovate , le animazioni visive ,costituite da manipolazioni di vecchi film egiziani e rari video appartenenti ad un epoca passata unite alla musica realizzata da Samer, conducono l’ascoltatore attraverso quello che si può definire, senza esagerare , un vero e proprio viaggio.

Nel Luglio del 2014 , a breve distanza dalla pubblicazione di " Gool l' Ah ", vede la luce un nuovo lavoro targato Hello Psychaleppo ! intitolato “ HA! “ , composto da 7 tracce e registrato dal vivo in presa diretta. A differenza del lavoro precedente , più malinconico e nostalgico, questa nuova opera è caratterizzata da un atmosfera più cupa e tesa , una vera e propria aggressione sonora . 

Permangono i riferimenti al patrimonio musicale arabo, ma le sonorità sono ostiche ed il climax è più apocalittico che spensierato.

Punto di forza dell’album è il brano “Badawiya Lovin” , un assalto sonico lungo più di dieci minuti dove suoni disturbanti e stratificati fanno da sfondo ad un Mawwal beduino rimaneggiato elettronicamente.

Anche questo album è corredato da suo bel supporto visivo . Samer ha realizzato personalmente una raccolta di animazioni video ( disponibili presso la sua pagina YouTube) per rappresentare ogni brano dell’album. 

Nel complesso si tratta di un buon lavoro che vede l’autore tenere il suo pubblico nella morsa di un arte in continua evoluzione.

L’esposizione mediatica , conseguenza diretta dell’apprezzamento ricevuto per il suo lavoro, ha esposto Samer ad una serie di interviste non sempre gradevoli. Una nota rivista araba ha titolato l’articolo riguardante l’artista : “ Musica da ascoltare mentre il tuo paese è in fiamme” , quasi ad indicare una qualche indifferenza del musicista di fronte alla catastrofe siriana. Purtroppo è uso comune (non solo dei media) pretendere dagli artisti provenienti da paesi in conflitto un riferimento chiaro, nelle loro opere, di quanto sta accadendo in patria . L’arte come conseguenza ai turbamenti che si stanno vivendo e non come atto che trova sbocco malgrado ciò.

La  posizione di Samer nei confronti del paese natale è personale e rispettabile. Deve essere davvero difficile vivere lontano da casa mentre sai che il tuo paese sta andando in rovina. Interrogato a proposito della sua musica e dei fatti accaduti in Siria negli ultimi anni dice : "Se si ascolta la mia musica attentamente , è possibile trovare la Siria in ogni nota che suono. Arrivando da luoghi e persone che amo, questa musica è la mia consolazione. Non voglio però che i fatti condizionino la mia produzione, avere la mente lucida in questo momento è per me qualcosa di veramente prezioso. Non guardo i filmati riguardanti Aleppo , non voglio vedere cosa è successo fino a quando non sarò tornato. So che le persone in Siria stanno davvero soffrendo. Ma anche per i siriani espatriati è un  inferno, stare lontano dal proprio paese, dalle persone che ami , dai tuoi ricordi "

Nel 2015 Samer è stato invitato a “ Shubbak “ , il Festival che si tiene ogni anno a Londra dedicato alla cultura araba contemporanea . In occasione del festival ha realizzato un video intitolato “ Shahba “ (un altro nome per indicare la città di Aleppo).

Il video è una sorta di commosso omaggio alla città che gli ha dato i natali ed è costituito da riprese di strada miscelate con illustrazioni animate realizzate dallo stesso Samer . La traccia musicale contiene invece un campione del noto cantante di Aleppo Nehad Najjar.


"Ho chiesto in rete a molte persone di inviarmi qualsiasi filmato, anche personale , che avessero fatto in città “ dice,  “ il risultato è quindi qualcosa che riguarda la memoria collettiva, qualcosa che noi tutti condividiamo. Mentre lavoravo al progetto ho dovuto fare molta ricerca, concentrandomi particolarmente su quelle che sono le colonne portanti di Aleppo, i suoi abitanti. Per esempio sul finale del filmato ho ritratto un uomo interamente vestito di giallo. E'  una figura molto conosciuta in città, si veste sempre e solo con abiti di quel colore . Questa immagine appartiene alla quotidianità di Aleppo, chiunque la veda non potrà che perdersi nei ricordi, che avranno purtroppo un gusto agrodolce " .
Nel video egli si trasforma in un uccello e sorvola Aleppo, come era prima della guerra. "Essere un uccello alla fine ha una simbologia legata alla nostalgia . Il mio corpo viaggia in tutto il mondo, ma la mia anima torna sempre lì" dice, in una città nella quale non è sicuro quando, o se, tornerà nuovamente.


Attualmente, dopo una lunga serie di apparizioni in Festival e concerti in tutta Europa, Samer risiede negli Stati Uniti e si sta guardando intorno alla ricerca di nuovi stimoli in vista della realizzazione del suo prossimo album previsto in uscita nel corso del 2017.
Sempre in contatto con le realtà artistiche proprie del luogo in cui si trova, ha trovato il tempo di realizzare un brano intitolato “Last Day Of The World” per l’etichetta americana Them Flavors . Il brano è stato inserito in una raccolta intitolata “ Ceasefire World Compilation “ comprendente i lavori di produttori provenienti da tutto il mondo. I proventi di questa operazione saranno devoluti alla Cure Violence Organization , un organizzazione che lavora in città come Chicago, Baltimora e New York per sradicare la violenza urbana. 


Anche se con la sua musica Samer Saem Eldahr sembra andare oltre la catastrofe attualmente in atto in Siria , l'attaccamento alla sua terra rimane molto forte e l’importanza culturale del suo progetto non è assolutamente da sottovalutare.
Il suo lavoro si muove infatti attraverso più livelli. Il connubio tra sonorità passate e timbri marcatamente contemporanei rappresenta un fattore che può risultare estremamente utile per colmare il divario esistente tra il pubblico Mediorientale e quello Occidentale. Attraverso i suoi brani gli ascoltatori arabi trovano appagata la nostalgia che nutrono nei confronti della loro cultura e del loro glorioso passato ed approfondiscono suoni e ritmi estranei , mentre l’audience occidentale, confortata dalle più familiari sonorità elettroniche, viene messa in contatto con un mondo musicale sconosciuto che potrebbe incoraggiarla a saperne di più sulla cultura musicale della Siria e del Medio Oriente.

É indubbio che l’odierna scena musicale araba , per quanti vogliano vedere, sia una delle grandi rivelazioni di questo nuovo millennio . A fronte di informazioni falsate ed esiziali che inducono le popolazioni occidentali a temere i figli di Agar, giovani come Samer stanno li a dimostrare che la modernità nel mondo arabo non è una chimera ma è una realtà. Dalla Siria all’Egitto, dalla Palestina alla Giordania innumerevoli artisti in vari campi stanno arricchendo profondamente il patrimonio culturale mondiale guardando al futuro, ma tenendo sempre presente la ricchezza del passato.

Parecchi anni or sono un grande musicista come Archie Shepp affermava che il Jazz è il dono che gli afroamericani hanno  fatto all’America. Parafrasando le sue parole si può affermare che il lavoro dei giovani musicisti arabi , ricco di cultura sconosciuta, è il regalo che viene fatto ad una società occidentale che cerca sempre a Levante gesti di pace, ma che non sa riconoscerli quando se li trova davanti.






Zimo زيمو - Ana insan انا انسان


                                 
   

01 Al Harb 
02 Sadiki Al Khorafi 
03 Ana Insan 
04 Sahra 
05 Ma Fi Shi Mostahil 
06 Ghnie An Wala Shi 
07 Aser Aser Al Insan 
08 Heb Shi 
09 Wahdak Fi Bali 
10 ‘ish 
11 Bard Kter 



HERE



Hello Psychaleppo  !





Ali The Rooster
Arabish
Brother, Angel

Fifi, The Fat Bellydancer
Inside Suicide
Monday Choir
My Dawn In The White Space

Sky is not the limit
The Deaf Side Of The Circus Clown
The Eternal Anthem Of Palestine
The Falafel Dance

This Is Not A Track
Trading Souls
When Pinochio Got Lost


HERE






Hello, Psychaleppo! - Gool L'Ah




01 Flower Jam
02 Grease Monkey
03 Tarab Dub
04 Harem
05 Every Time I Thought About It I'd Burst Into Tears
06 Tobayabooya
07 Sand Song
08 Moonless Night Drive
09 Sufi Hop
10 The White Epicycle
11 Eyes Improvise
12 pH


HERE














Hello, Psychaleppo! - HA!




01 Fog Alghaim
02 The Gobble Wobble
03 Celebration Blue
04 Hathihiyalhaya'
05 Badawiya Lovin'
06 Picking Rocks Out Of Lentils
07 Ya Ard

HERE













Hello, Psychaleppo! - Shahba




HERE





venerdì 16 settembre 2016

Arab tunes mixtape # 32 - Pop music will kill your soul

Image taken from the porn film "Women of the Middle East"




 It might seem that this mixtape is born of a sudden moment of madness, but there is an explanation.

A couple of friends (let's call Alessandro & Alessandra),
regulars of holiday resorts around the world, challenge my musical publications claiming that i never place the one that is the real Arab music.

 they refer of course to the music played in the tourist centers frequented by them which consists mainly in stereotypical pop songs performed by female singers that my grandmother would have called ,speaking out, little sluts .
Now, it would be unfair to use this term in reference to the world of pop singers from the Arab world, pop is not always synonymous of  low cultural level and debauchery, but there is no doubt that there is a music genre that exploits the sexual factor for commercial purposes.

 Mainly responsible for the spread of the majority of the plasticized pop music in the Arab world is the Rotana Group, plain known as Rotana.
It is the largest entertainment company
in the Arab world  that includes:
  a film production company (Rotana Studios), a magazine (Rotana Magazine), a television (TV Rotana), seven music channels (Rotana Radio), a record label (Rotana Records).


 Owner of 'imposing group is Saudi Prince Al Waleed bin Talal.

 It seems paradoxical that a member of one of the most obscurantist countries propose on his network starlets provocative running absolutely secular songs, allusive and saturated with sexual references, but the reality is exactly this.

 A significant example of this trade policy is offered us by the Lebanese / Egyptian  singer   Haifa Wehbe (present in this mixtape with the song Ebn El Halal). Each video in the network of this golden voice is little short of disgraceful, a real carnal performance.

 A strong disturbance welcomed her  movie  "Halawet Rooh" Egyptian remake of the Italian movie  "Malena" made years ago by Giuseppe Tornatore. Haifa Wehbe plays the role that was of  Monica Bellucci sending into raptures the large group of excited males who allowed the film to cash   988,000 Egyptian pounds in the first week of programming.

So, while with one hand  the  Saudi monarchies  financed Islamic groups with the intent to impose Islamic law in the world (but this is the version that provide us newspapers, TV and politicians, the truth in fact turns out to be dark) with the other, the great principles, devastate culturally  the entire Arab world saturating it with  asses and tits (not discovered to be honest) with the sole purpose of numbing the thought of the masses.


 It happens then that the couple of friends mentioned at the beginning (like most  of the Western population that believes being informed by the pay television and social networks) believe that the real Arab music is the one sent by Rotana and ignore the most interesting and culturally advanced musical reality that the Arab world is giving birth in recent years.

 The cover of the mixtape is meant to represent just that: a female disturbing that holding at the leash a dazed male from its forms. The female is Rotana and its trade policies, while the male is all those who sell their ideas in exchange for a fleeting satisfaction of the senses.

 I hope that Alessandro & Alessandra are pleased with this compilation.


Dedicated to all the dumb users who follow the stupid programs broadcast by the new digital channels.



P.S. :
If you had not understood it : Rotana is crap !!!





 


Potrebbe sembrare che questo mixtape sia nato da un improvviso momento di follia , ma esiste una spiegazione.

Una coppia di amici (chiamiamoli Alessandro & Alessandra) , assidui frequentatori di villaggi turistici in giro per il mondo, contestano le mie pubblicazioni musicali sostenendo che non pubblico mai quella che è la vera musica araba. Si riferiscono ovviamente alla musica propinata dai centri turistici da loro frequentatati che consiste prevalentemente in stereotipate canzonette pop eseguite da cantanti femmine che mia nonna avrebbe definito ,senza mezzi termini, piccole sgualdrine.

Ora , sarebbe ingiusto usare tale termine in riferimento all ’intero corpus delle cantanti pop provenienti dal mondo arabo , pop non è sempre sinonimo di basso livello culturale e dissolutezza, ma è indubbio che esista un filone musicale che sfrutta l’ammiccamento sessuale per scopi commerciali .

Responsabile principale della diffusione della maggior parte della musica pop plastificata nel  mondo arabo è il Rotana Group , semplicemnte conosciuto come Rotana.

Si tratta della più grande società di intrattenimento del mondo arabo che comprende :
una casa di produzione cinematografica (Rotana Studios), una rivista (Rotana Magazine), una televisione (Rotana TV), sette canali musicali (Rotana Radio), un'etichetta discografica (Rotana Records).

Propietario dell’ imponemte gruppo è il principe saudita Al-Waleed bin Talal.

Sembra paradossale che un esponente di uno dei più oscurantisti paesi del mondo proponga sui suoi network divette sculettanti che eseguono canzoni assolutamente profane , allusive e sature di richiami sessuali , ma la realtà è esattamente questa.

Un esempio significativo di questa politica commerciale ci viene offerto dalla cantante libano/egiziana Haifa Wehbe (presente in questo mixtape con il brano Ebn El Halal ). Ogni video presente in rete di questa ugola d’oro è poco meno che vergognoso , una vera e propria esibizione carnale . Molto scalpore ha suscitato il suo fim “ Halawet Rooh “ remake egiziano della pellicola italiana “ Malena “ realizzata anni fa da Giuseppe Tornatore. Haifa Wehbe riveste i panni che furono di Monica Bellucci e manda in visibilio il folto gruppo di maschi assatanati che hanno permesso al film di incassare 988,000 lire egiziane solo nella prima settimana di programmazione.

Quindi, mentre da un lato le monarchie saudite finanziano gruppi islamici con l’intento di imporre la legge coranica al mondo intero ( ma questa è la versione che ci propinano giornali, tv e politici, la verità nei fatti risulta essere oscura ) dall’altro, i grandi principi ,devastano culturalmente l’intero mondo arabo saturandolo di culi e tette ( non scoperti a dire il vero ) con il solo scopo di intorpidire il pensiero delle masse.

Succede allora che la coppia di amici menzionata all’inizio ( come gran parte della popolazione occidentale che ritiene di essere informata dalla tv a pagamento e dai social network) creda che la vera musica araba sia quella trasmessa da Rotana  ed ignori le più interessanti e culturalmente avanzate realtà musicali che il mondo arabo sta partorendo in questi ultimi anni.

La copertina del mixtape vuole rappresentare proprio questo : una femmina conturbante che tiene al guinzaglio un maschio inebetito dalle sue forme . La femmina rappresenta Rotana e le sue politiche commerciali mentre il maschio rappresenta tutti coloro che svendono il loro pensiero in cambio di un effimero appagamento dei sensi .

Spero che Alessandro & Alessandra siano soddisfatti di questa compilation.

Dedicato a tutti gli ottusi utenti che seguono gli  stupidi programmi trasmessi dai nuovi canali digitali .


P.S. : Se non si fosse capito : Rotana è merda !!!





 Arab tunes mixtape # 32 - Pop music will kill your soul



 01  Melissa  - Jazeeret el Hob
 02 Gehan Rateb - Ediny Forsa
 03 Najwa Karam - 'artiwu qalby lamyn
 04 Amira eisawy - Rooh W Ensani
 05 Dounia Batma - Badri
 06 Maya Diab - Dabu 'ainik
 07 Darine - Aiwa
 08 Haifa Wehbe - Ebn El Halal
 09  Nancy Ajram -  Fe Hagat
 10 Ranin -  Habib Alby
 11 Myriam Fares -  ma yanni al naum
 12 Ruby  - 'a khayr
 13 Shakira -  El Kamoun
 14  Diana Dakwar-  Ah Ya Baba
 15 Yara - Salemoly
 16 Arwa - Ya moumayyaz
 17 Reem  - Tamer Amor
 18 Sabine  -  Barkouli Ya Banat
 19 Rosy  - Daket Mehbajek
 20 Shams  - Ashtah
 21 Reeda - Mashi Ya Zaman
 22 Rola Saad - ida ida 


 HERE






giovedì 15 settembre 2016

Salah Ragab and the Cairo ( Free ) Jazz Band




.



Drummer Salah Ragab is credited with starting up Egyptian jazz, with his co-founding of the Cairo Jazz Band. He also recorded with the Sun Ra Arkestra on two separate occasions and later with the German band Embryo (which Mal Waldron and Abdullah Ibrahim performed in at times). A Major in the Egyptian Army through the 1960s, and an avid jazz fan and drummer, Ragab first attempted to form a jazz band in 1964, with American saxophonist Mac X. Spears. The group didn't get very far, as Spears left Egypt right after its formation. Then, in December, 1966, Ragab met Hartmut Geerken and Eduard "Edu" Vizvari at a reception following a Randy Weston Sextet show. The three hit it off and decided to form the Cairo Jazz Band. Fortuitously, Ragab was soon (early 1968) appointed Chief of Egypt's "Military Department of Music." From the thousands-large group of professional musicians Ragab was in charge of, he chose about 25 for the Cairo Jazz Band and held crash courses in jazz history for these musicians -- whose only background had been national anthems and military marches -- while Geerken and Vizvari arranged and composed for the group.




 Cairo Jazz Band's debut performance occurred at Ewart Memorial Hall of the American University (where Weston had performed) in February, 1969, and included compositions by all of the group's founders, as well as arrangements of works by Dizzy Gillespie, Nat Adderley, Count Basie and more. The group drew large audiences in Cairo and Alexandria, and, with Ragab drumming, recorded in the early '70s, including Ragab's compositions "Oriental Mood" and "A Farewell Theme," which was a tribute to the late Gamal Abdel Nasser. Ragab met Sun Ra on Ra's first visit to Egypt in December, 1971. Sun Ra had come at Geerken's invitation, and his performances included an impromptu session in the host's living room. Ragab was in attendance, and met Ra. When Sun Ra returned in May, 1983, the Arkestra -- joined by Ragab on drums and congas -- recorded two of Ragab's compositions, "Egypt Strut" and "Dawn," a piece based on an Islamic hymn sung at the beginning of the Arabic month, "Shawall." The Sun Ra Arkestra was back early the next year, and Salah Ragab sat in on their performance at the Il Capo Jazz Club. Ragab's jazz recordings can be heard on Golden Years' 1999 reissue of Sun Ra Arkestra Meets Salah Ragab in Egypt. He also performs with Abdullah Ibrahim on at least one album of the German group, Embryo, entitled Embryo's Reise.

He died in July 2008 in Cairo at age 72.




 


 Salah Ragab e la Cairo  Jazz Band : una storia egiziana






 
Raramente, presso la cultura occidentale , le gesta di personaggi creativi e visionari sono state il frutto di rigide direttive governative, ma per quanto riguarda la genesi della musica jazz in Egitto si può decisamente fare un eccezione . Si da il caso infatti che Salah Ragab, pioniere del genere , polistrumentista specializzato nell’arte delle percussioni , responsabile per l'introduzione della musica jazz nel mondo arabo , sia stato anche una figura militare e politica operante attivamente nel programma nazionale egiziano.

Ciò che successe nel paese dei Faraoni nel corso degli anni '60 rappresenta davvero qualcosa di unico che raramente si è verificato nel corso della storia delle arti. Parte del merito va sicuramente alla decisione illuminata (non è dato sapere se voluta o casuale) del presidente egiziano Gamal Abdel Nasser . Condottiero e vincitore della rivoluzione accaduta nel 1952, il nuovo presidente fu un accanito sostenitore del nazionalismo culturale, considerato mezzo essenziale per il conseguimento di una forte indipendenza politica.

Allineare una nazione ad una precisa estetica nazionale, costituita da lingua, arte e musica, è stato un fenomeno comune a molti movimenti di liberazione. Educare le masse ad una nuova cultura promossa dal governo è stato visto come un mezzo per unificare la nazione. Attraverso arti e propaganda , il nazionalismo egiziano di Nasser venne diffuso in ogni segmento del paese ed il Jazz , secondo le intenzioni, sarebbe dovuta essere la musica del nuovo corso.
Raccontata cosi , specialmente dopo anni passati ad assimilare stereotipi sul mondo arabo, sembra quasi una barzelletta ma è accaduto realmente.


La lungimiranza culturale del presidente Nasser per concretizzarsi necessitava però di un addetto ai lavori, una persona culturalmente introdotta alle dinamiche della musica afro americana. Il giusto soggetto venne individuato nella figura di Salah Ragab, militare devoto alla causa rivoluzionaria del suo presidente , appartenente alle forze armate egiziane con il grado di Maggiore .

Nato al Cairo il 25 luglio del 1935, appassionato di musica jazz ed ottimo polistrumentista ,Salah El Din Ahmed Ragab si specializzò nello studio dei ritmi durante una breve permanenza negli Stati Uniti. Tornato in patria trasse beneficio dall'incontro con Malik Osman Karim Yagoub ,alias di Mac X Spears , sassofonista afroamericano di Kansas City (del quale si sono ormai perse le tracce ) il quale , trasferitosi in Egitto nel 1963 , gli insegno teoria musicale e lo volle come batterista del suo quintetto durante alcune registrazioni presso l'emittente radio del Cairo nel 1964 . La loro unione fu di breve durata e terminò quando il musicista americano decise di tornare negli Stati Uniti . Il maggiore fece tesoro degli insegnamenti ricevuti e coltivò la sua passione dedicandosi assiduamente all'ascolto e allo studio delle nuove sonorità provenienti da oltre oceano.

L'incontro decisivo per il suo futuro musicale , per quanto inaspettato, avvenne per Salah Ragab in una sera di Dicembre del 1966, durante una serata trascorsa presso l' Università americana del Cairo per seguire un concerto del Randy Weston Sextet dedicata alla storia del jazz. il Maggiore Ragab si trovò a condividere il tavolo con due volti sconosciuti. Si trattava del bassista cecoslovacco Edu Vizvari e del compositore tedesco Hartmut Geerken . Mai incontro fu più felice ; i due musicisti condividevano con il nuovo amico egiziano la passione per la musica afroamericana e rimasero colpiti dalla sua competenza e dalle sue idee in ambito jazzistico. Il pensiero maturato dal batterista egiziano consisteva nella creazione di un orchestra che fondesse gli elementi classici del jazz con sonorità tipicamente arabe. Negli Stati Uniti ricerche di questo tipo venivano approfondite da musicisti quali Yusef Lateef , Sun Ra e John Coltrane, attratti dal mondo islamico e dalle nazioni nord africane , ma l' equazione veniva in questo caso rovesciata. Non si trattava più del classico “West meet East” ma, per la prima volta, del Medio Oriente che si avventurava all'esplorazione delle sonorità occidentali per introdurle nel proprio patrimonio musicale.
I due nuovi amici si dichiararono entusiasti del progetto innovativo proposto da Salah Ragab, ma sarebbe dovuto passare ancora qualche tempo perché le cose si mettessero davvero in moto.
Molte idee nascono e muoiono senza aver avuto il tempo o la possibilità di svilupparsi. Grazie , come è stato detto, alla spirito innovatore del presidente Nasser , questa idea invece ebbe modo di concretizzarsi e di evolversi seguendo percorsi davvero particolari.
Nominato nel 1968 , dallo stesso presidente, capo del dipartimento militare musicale di Heliopolis a Salah Ragab vennero messi a disposizione un edificio militare, circa 3000 musicisti e ogni tipo di strumento potesse desiderare, il tutto utilizzando i fondi del ministero della difesa.
Dopo aver selezionato 25 musicisti tra quelli messi a disposizione, Salah Ragab avviò un estenuante programma di studio accademico. Le competenze musicali dei musicisti militari erano per lo più ridotte alla conoscenza di marce e inni nazionali mentre una parte significativa del nuovo programma era basata sull'improvvisazione, elemento fondamentale della musica jazz.
Mentre i musicisti jazz americani affrontano un percorso formativo che si sviluppa nell'arco di parecchi anni, i musicisti egiziani ,che avrebbero composto quella che verrà chiamata Cairo Jazz Band, furono costretti ad apprendere le basi di una musica fino allora quasi sconosciuta in un lasso di tempo davvero breve.


Dopo solo un anno di prove e studi il progetto musicale debuttò il 23 Febbraio 1969 , in occasione di un concerto pubblico alla Ewart Memorial Hall presso l'Università americana proponendo un set che comprendeva composizioni di tutti i fondatori del gruppo, così come arrangiamenti di opere di Dizzy Gillespie, Nat Adderley e Count Basie .

Nel corso degli anni successivi la band si sarebbe esibita in varie occasioni, spesso patrocinate dal Goethe Istitute del Cairo, ed avrebbe proposto un programma costituito da brani appartenenti alla tradizione jazzistica americana, rielaborati in chiave mediorientale, e composizioni originali di Ragab, Geerken e Vizvari.
A dispetto delle intenzioni iniziali, la musica della Cairo Jazz Band non avrà mai diffusione di massa e non diverrà mai il suono della nuova stagione rivoluzionaria ma , in qualche modo, il seme era stato piantato e l'orchestra continuerà per alcuni anni la sua attività evolvendosi verso sonorità sempre più vicine al free jazz .
Il lavoro di questo particolare collettivo di artisti attirerà l'attenzione di Sun Ra, uno dei più affascinanti musicisti jazz dell'epoca , il quale con la sua Arkestra si adoperava per la diffusione di un messaggio musicale interplanetario che proprio nel misticismo , nella spiritualità e nell'esoterismo dell'antico Egitto aveva i suoi riferimenti principali.
Invitato per la prima volta al Cairo da Hartmut Geerken nel 1971 , Sun Ra registrerà alcuni brani della Cairo Jazz Band in collaborazione con Ragab e i suoi musicisti ed influenzerà notevolmente la produzione musicale dell'orchestra egiziana. I viaggi di Sun Ra nella terra dei faraoni si ripeteranno nel corso degli anni e sempre collaborerà con la band in occasione di vari concerti e registrazioni in studio.
Il risultato di questi incontri apparirà nell'album intitolato “ The Sun Ra Arkestra Meets Salah Ragab In Egypt “ uscito nel 1983 per l'etichetta Praxis. La riedizione in Cd del 1999 comprenderà la quasi totalità delle collaborazioni tra queste due grandi orchestre.

Per molti anni i dischi pubblicati dalla Sun Ra Arkestra rappresenteranno l'unica possibilità per ascoltare la musica prodotta dalla Cairo Jazz Band. Durante il periodo di attività dell'orchestra infatti saranno pubblicati in Egitto soltanto un 45 giri , uscito ad opera dell'etichetta Sono Cairo, contenente “Egypt Strut”, composizione liberamente ispirata al brano “Watermelon Man” di Herbie Hancock , un album compilation divulgativo intitolato “ Egypt : A Holliday Souvenir “ edito dalla casa discografica EMI che vede rappresentata la Cairo Jazz Band con il brano “Amber of the Nile ( un rimaneggiamento di “ Egypt Strut”) , un album contenente sei brani realizzato dal Ministero della cultura egiziano , prodotto dalla Prism Music Unit nel 1973 accreditato alla Cairo Jazz Band ( un vero pezzo da collezione di difficile reperibilità) e un album edito nel 1970 dal Goethe Istitute del Cairo, in collaborazione con l'etichetta Sono Cairo , intitolato “ Heliopolis “ accreditato alla Cairo Free Jazz Ensemble . 


Inutile dire che tutte queste registrazioni non hanno mai avuto occasione di essere ascoltate dal grande pubblico. A questo probabilmente si deve l'oscurità che ha circondato il lavoro dell'orchestra egiziana per molti anni e la mancanza di un accurata documentazione relativa ad un periodo storico veramente importante per la cultura musicale medio orientale. La lacuna è stata colmata grazie al meritevole lavoro dell'etichetta discografica inglese Art Yard la quale nel 2006 ha dato alle stampe un vinile intitolato “Egyptian Jazz “ accreditato a Salah Ragab & The Cairo Jazz Band .
Finalmente, dopo quattro decenni , il lavoro di questi egiziani visionari ha potuto essere ascoltato, suscitando nel pubblico un misto di meraviglia e ammirazione.
L'album , composto da sette brani, raccoglie una parte del materiale registrato dalla band tra il 1968 e il 1974 e si propone come il perfetto connubio tra il jazz occidentale e la concezione musicale araba . Le influenze americane sono riscontrabili specialmente nel campo dell'orchestrazione che paga pegno al lavoro di Charles Mingus e al jazz cosmico dell'amico Sun Ra , ma è nel rapporto tra la sezione ritmica, che sovente esplode in groove percussivi feroci, e le linee melodiche che la tradizione araba si rivela in tutto il suo splendore.

L'edizione in Cd realizzata nel 2008 offrirà una visione più completa della produzione dell'orchestra arricchendo la prima stampa con cinque ulteriori brani.
Due in particolare rivelano lo spirito nazionalistico del progetto nato , è bene ricordarlo, con intenti propagandistici in sostegno di una precisa politica rivoluzionaria.

Il brano “ The Crossing”, una vera e propria marcia trionfale, fu composto per celebrare quello che in Egitto è conosciuto appunto come l’ “Attraversamento” , in riferimento all'attraversamento da ovest ad est del Canale di Suez da parte dell'esercito egiziano all'inizio della Guerra del Kippur, nel 1973 , mentre la composizione “ A Farewell Theme” rappresenta il commosso tributo dell 'orchestra alla dipartita di Gamal Nasser avvenuta il 28 Settembre 1970.

Salah Ragab & Malek Osman Kareem
I brani registrati nel 1974 rappresentano il canto del cigno per questo anomalo gruppo jazz. Salah Ragab continuerà i suoi studi nel campo della composizione e delle percussioni e si troverà a collaborare nel corso dei decenni successivi con svariati musicisti tra i quali il gruppo jazz rock tedesco Embryo, il pianista sudafricano Abdullah Ibrahim , il pianista americano Mal Waldron e Tony Allen, leggendario batterista afro beat , sodale del grandissimo Fela Kuti.
Nel luglio del 2008 la vita di questo batterista innovatore si spegnerà . Sconosciuto ai più , Salah Ragab, allineandosi con le correnti più interessanti della musica jazz americana, può essere riconosciuto come il vero padrino della musica jazz egiziana che grazie al suo contributo ha potuto offrire una valida alternativa ai modelli d’oltreoceano , un alternativa che ha pagato pegno alla fonte ispiratrice ma che ha mantenuto un gusto e un accento ritmico sempre rivolti a Oriente.






 Salah Ragab and the Cairo Jazz Band Presents  Egyptian Jazz





 

01 Ramadan In Space Time
02 Dawn
03 Neveen
04 Oriental Mood
05 Kleopatra
06 Mervat
07 Egypt Strut
08 A Tribute To Sun Ra
09 Latino In Cairo
10 Black Butterfly
11 The Crossing [Oubour]
12 Calling You
13 The Kings Valley - Upper Egypt
14 A Farewell Theme



BONUS TRACK :

 15 Kleopatra (alternate take) 
 16 Kahn El   Khaleely
 17 The Egyptian March  


CREDITS :
  • Bass – Moohy El Din Osman
  • Bongos – Sayed Ramadan
  • Conductor – Salah Ragab
  • Congas – Salah Ragab
  • Drums – Salah Ragab, Sayed Sharkawy
  • Drums [Baza] – Sayed Ramadan
  • Flute – Zaky Osman
  • Flute [Bamboo Nay] – Abdel Hamd Abdel Ghaffar (Toto)
  • Piano – Khmis El Khouly, Salah Ragab
  • Saxophone [Alto] – El Saied El Aydy, Farouk El Sayed
  • Saxophone [Baritone] – Abdel Hakim El Zamel, Saied Salama
  • Saxophone [Tenor] – Fathy Abdel Salam, Saied Salama
  • Trombone – El Sayeed Dahroug, Mahmoud Ayoub, Sadeek Basyouny
  • Trombone [Bass] – Abdel Atey Farag
  • Trumpet – Ibrahim Wagby, Khalifa El Samman, Mohammad Abdou, Zaky Osman
  • Tuba [Bass] – Mohammad Abdel Rahman

 HERE







Cairo Free Jazz Ensemble ‎– Heliopolis






Recorded on March 31 & April 01, 1970 at Deutsches Kulturinstitut, Cairo, Egypt.

A1 Liberty For Iratilim
B1 Turnus
B2 Diagnosis For Percussion

BONUS TRACK :

  Free Together   (  Recorded May 10, 1970, Nile Hall, Cairo, Egypt.)

CREDITS :
  • Alto Saxophone, Drum [Ramadan Drum], Cymbal, Rattle [Mokkatam Pod Rattles] – Farouk Abdel Rahman
  • Bagpipes – Abdel Ghani Metawally, Ahmed Kollaly, Rofaeel Francis
  • Baritone Saxophone, Drum [Ramadan Drum], Cymbal, Rattle [Mokkatam Pod Rattles] – Abdel Hakim Zamel*
  • Bass, Strings, Other [Wood] – Moohi El-Din Osman
  • Drums, Congas, Tambourine – Salah Ahmed Ragab
  • Engineer – Joseph Hermeling
  • Piano, Marimba [Xylomarimba], Gong, Cymbal, Chimes [Tubular Chimes], Bells [Fire-brigade Bell, Camel Bells, Horse Bells], Temple Block, Bendir, Congas, Maracas, Other [Thunder Sheet, Toy Car Producing The Sound Of A Siren], Composed By – Hartmut Geerken
  • Tenor Saxophone, Congas, Cymbal, Rattle [Mokkatam Pod Ratttles] – Fathi Abdel Salam
  • Trombone, Congas, Cymbal, Rattle [Mokkatam Pod Rattles] – Mahmoud Ayoub
  • Trombone, Drum [Zebra Drum], Gong [Small Gong], Bells [Horse Bells] – Sadeek Bassouni
  • Trumpet, Drum [Hand Drum], Bendir, Bells [Small Bell] – Khalifa Ismail
  • Trumpet, Drum [Hand Drum], Goblet Drum [Darabukka], Bells [Horse Bells] – Ibrahim Wagdi
  • Tuba, Drum [African Tin Drum, African Wooden Drum], Tambourine – Mohammed Abdel Rahman 


    HERE



    The Sun Ra Arkestra  Meets Salah Ragab 



    01 The Sun Ra Arkestra  - Egypt Strut
    02 The Sun Ra Arkestra - Dawn
    03 The Sun Ra Arkestra  -  Watusa
    04 The Cairo Jazz Band  - Ramadan
    05 Salah Ragab  - Oriental Mood
    06 The Cairo Jazz Band  - A Farewell Theme
    07 The Cairo Free Jazz Ensemble  - Music For Angela Davis

    HERE

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...